La poesia è inconsumabile, a dispetto del capitalismo [per ora]

E’ questo che m’affascina più d’ogni altra cosa; la poesia è eterea, incorruttibile e inconsumabile.

In un certo senso, il fatto che nelle librerie gli scaffali dedicati alla poesia occupino soltanto il 5% dell’intero negozio, mi rincuora.

Forse un giorno anch’essa entrerà a far parte della realtà fluida e massificata, divenendo allora semplice anello di congiunzione della rete globale, al pari della letteratura in prosa più acclamata; quel giorno un top influencer più astuto degli altri si alzerà dal letto e scriverà sui tutti i social network: “Oggigiorno si deve leggere e fare poesia”.

Chissà.

Annunci

2 pensieri su “La poesia è inconsumabile, a dispetto del capitalismo [per ora]

  1. come vorrei fosse vero…ho letto qualcosa sul tuo blog e devo dire che è stata una bellissima scoperta. La tua è una scrittura pregna, reale, ironica e amara ma assolutamente vera! Un piacere leggerti. Ciao

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...