TANGO

Come erano belli tutti quegli esseri umani con gli occhi chiusi, abbracciati fluttuando sotto il cielo scuro di una notte senza luna.

Eseguivano movimenti garbati, un passo dietro l’altro con una precisione millimetrica, eppure da tanta compostezza risultava un genuino avvicendarsi di corpi e anime sospese nel tempo e nello spazio di un brano.

Quando una coppia finiva sotto il fascio di luce della lampada al neon, se ne percepiva la tensione dalla contrazione dei muscoli che affioravano timidi sotto le lunghe vesti di seta delle signore,  o dai solchi delle rughe d’espressione dei cavalieri, che si facevano nette.

In un lembo di parquet posticcio steso al centro di una piazza medievale i ballerini di tango danzavano incuranti del mondo fuori, troppo concentrati nel loro leggiadro sentirsi per preoccuparsi degli sguardi indiscreti di spettatori improvvisati.

 

Annunci

Un pensiero su “TANGO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...